cosmored.it
UNIVERSO:

proprietà, antimateria, radiazione cosmica di fondo, costante di Hubble, redshift
materia oscura, energia oscura, massa mancante, radiazione cosmica di fondo

Linee di
ricerca


Cosmologia
Spazio e tempo

Fisica quantistica
Stelle
Galassie
Sistema solare

Terra


cerca nel sito

offerte di lavoro
In fisica, astronomia,
industria spaziale

 

Radiazione cosmica di fondo


La radiazione cosmica di fondo è il residuo della radiazione prodotta dal Big Bang che ancora pervade l'Universo. Già prevista teoricamente, è stata scoperta in modo involontario nel 1965 da A. Penzias e R. Wilson dei Laboratori Bells nel tentativo di scoprire la causa di un eccesso di rumore misurato su un'antenna su cui stavano lavorando. La radiazione ha cominciato a viaggiare liberamente nell'Universo dopo circa 400.000 anni, quando l'Universo si era sufficientemente raffreddato da permettere ai fotoni di liberarsi dall'azione della materia. Prima di tale epoca, i fotoni interagivano continuamente con le cariche elettriche che costituivano un plasma molto caldo e non potevano sfuggire; poi, con il raffreddamento, gli elettroni e i protoni, molto meno veloci, si sono combinati per formare atomi neutri di idrogeno e l'Universo è diventato trasparente alla radiazione elettromagnetica. La radiazione si osserva oggi nel campo delle microonde, a una temperatura che, a causa dell'espansione dell'Universo, è scesa da circa 3000 a 2,725 K. Lo studio delle sue caratteristiche è molto importante per conoscere le proprietà dell'Universo a grande scala e dell'Universo primordiale. Si tratta di una radiazione con una distribuzione energetica cosiddetta di corpo nero, come quella emessa dalle stelle, che dipende soprattutto dalla temperatura.
La temperatura della radiazione cosmica di fondo è estremamente uniforme in tutte le direzioni dell'Universo; ciò è in effetti una conferma che la radiazione è il residuo del Big Bang (se la radiazione fosse prodotta da una sorgente locale, non potrebbe avere tali caratteristiche). Piccole fluttuazioni di temperatura (dell'ordine di una parte su centomila, mostrate nella figura) sono state scoperte nel 1991 dal satellite COBE. Esse sono interpretate come la traccia della successiva formazione delle galassie e sono relative a regioni dell'Universo più dense delle altre, quindi a temperatura maggiore, sede appunto della formazione delle galassie. In sostanza, queste fluttuazioni di temperatura corrispondono a piccoli grumi nell'omogeneità dell'Universo, i semi da cui nacquero le strutture più complesse che oggi osserviamo. Prima di questa scoperta, che ha posto fine alla questione, ci si domandava perché l'Universo primordiale fosse così uniforme come mostra la radiazione cosmica di fondo nonostante oggi si osservino grandi agglomerati di materia.
Successivi studi più approfonditi sulla radiazione cosmica di fondo sono stati effettuati da altri esperimenti (BOOMERANG e MAXIMA), che hanno evidenziato la presenza di onde sonore nell'Universo primordiale, corrispondenti a compressioni e rarefazioni della materia. La larghezza e la distribuzione spaziale dei punti a temperature differenti nella mappa delle fluttuazioni indicano la geometria dell'Universo: simulazioni teoriche fatte al calcolatore mostrano infatti che se tali punti hanno dimensione di circa un grado, lo spazio dell'Universo è piatto (caratterizzato cioè dal fatto che linee parallele restano sempre alla stessa distanza), mentre se la dimensione è maggiore o minore, esso è rispettivamente curvo chiuso o curvo aperto (linee parallele che si incrociano o linee parallele che divergono). I risultati sperimentali hanno portato a formulare l'ipotesi che l'Universo sia piatto, ossia possieda una geometria di tipo euclideo.
Lo studio della radiazione cosmica di fondo, una fonte preziosa di informazioni sull'Universo, prosegue con altre missioni dedicate, come WMAP della NASA, con misurazioni molto dettagliate che ci forniscono informazioni sui parametri cosmologici.

Per saperne di più
su questo argomento

Informazioni richieste


e-mail (per la risposta)


 

 

elenco schede di
COSMOLOGIA

Omegon Telescopio N 76/700 AZ-1 - astroshop.it  
acquista online
(clicca sull'immagine)