Cosmored.it

Homepage

astrofisica
fisica e...
missioni spaziali
redazione
prontoscuola

Linee di
ricerca


Cosmologia
Spazio e tempo
Fisica quantistica
Stelle

Galassie
Sistema solare
Terra


cerca nel sito

offerte di lavoro
In fisica, astronomia,
industria spaziale

 

Acqua su Marte


Sulla superficie desertica di Marte non c'è acqua liquida. Grandi quantità di acqua allo stato ghiacciato si trovano invece sotto la superficie delle regioni artiche. Miliardi di anni fa molto probabilmente l'acqua fluiva abbondante sulla superficie attraverso canyons e formava laghi, come suggeriscono le osservazioni effettuate con diverse missioni spaziali (Mars Global Surveyor, Odyssey e Exploration Rover). Alcuni scienziati pensano che su Marte possa essere esistito anche un vasto oceano. Le numerose immagini inviate sulla Terra dalle missioni spaziali mostrano alcune caratteristiche della superficie di Marte, come alvei fluviali secchi o canali, che si spiegano con la presenza di acqua nel passato. Centinaia di canali e una rete di valli fanno pensare a Marte come un pianeta ospitale come la Terra, miliardi di anni fa. Alcuni canali possono essere stati prodotti dalla caduta di pioggia, ma altri appaiono essere il risultato di un abbondante scorrimento di acqua. L'immagine a fianco mostra il canyon Nanedi Vallis ripreso dal Mars Global Surveyor sulla superficie di Marte, forse formato dallo scorrimento di acqua.
Un'altra indicazione dell'esistenza di acqua liquida nel passato su Marte deriva dalla presenza di gole sulla superficie del pianeta, probabilmente create dall'erosione. L'età delle gole osservate è incerta, ma da un confronto con la superficie sembrano alquanto recenti. Infine, anche i depositi di certi minerali (come l'ematite) e di sali possono fornire informazioni sulla presenza di acqua; in particolare, i sali potrebbero costituire ciò che è rimasto dell'evaporazione di laghi o mari salati.
La causa della scomparsa dell'acqua sulla superfice di Marte è ancora sconosciuta. Si pensa possa essere il risultato di un cambiamento climatico avvenuto nel corso di miliardi di anni come conseguenza della perdita dell'atmosfera del pianeta. Parte dell'acqua è sicuramente evaporata, altra è rimasta intrappolata sotto la superficie, sotto forma ghiacciata, ma anche liquida più in profondità, dove la temperatura e la pressione raggiungono valori elevati. L'immagine a destra mostra il ghiaccio d'acqua in un cratere del polo nord di Marte. Non si esclude che possano verificarsi periodiche improvvise fuoriuscite d'acqua dalla superficie, come avviene sulla Terra nelle zone desertiche sudoccidentali degli Stati Uniti. Il terreno surriscaldato non ha la capacità di assorbire in tempi rapidi l'acqua, che scorre sulla superficie formando alluvioni localizzate, di cui si notano le tracce nelle fotografie riprese su Marte. Tali segni superficiali potrebbero anche essere stati causati dall'impatto di meteoriti, che hanno fuso il ghiaccio presente innalzando nell'atmosfera il vapore acqueo, poi ricaduto sul terreno sotto forma di pioggia.

Per saperne di più
su questo argomento

Informazioni richieste


e-mail (per la risposta)


 

 

elenco schede sul
SISTEMA SOLARE


videocorsi online

Omegon Telescopio N 76/700 AZ-1 - astroshop.it  
acquista online
(clicca sull'immagine)