Extraterrestri: intervista al fisico Avi Loeb

Incontro con tecnologie aliene

La possibilità di una vita aliena affascina l’immaginazione umana ed è al centro delle storie di fantasia più popolari. Ma non ci si aspetta che sia uno scienziato ad alimentarle.

Il fisico teorico Avi Loeb si è imposto all’attenzione affermando che gli alieni non sono una finzione ma una realtà. Egli, infatti, sostiene la possibilità che l’asteroide interstellare ‘Oumuamua sia in realtà tecnologia aliena. Questa presa di posizione ha alimentato diverse controversie con i suoi colleghi.

Avi Loeb è un fisico teorico ed ex presidente del dipartimento di astronomia dell’Università di Harvard. Come si può immaginare, un professore di Harvard che avvalora l’esistenza degli alieni ha suscitato molto scalpore nella comunità scientifica.

Ne...

Read More

Cosa c’è in una stella di neutroni?

stelle di neutroni

Materia al suo livello più estremo

Le stelle di neutroni sono ciò che resta delle stelle massicce quando queste implodono, perdendo i loro strati esterni nelle esplosioni di supernova. L’enorme pressione gravitazionale spinge i loro elettroni e protoni nei neutroni. Sollevare un cucchiaino di questa materia sarebbe un’impresa che nemmeno il leggendario Thor sarebbe in grado di fare, perché si tratterebbe di alzare 4 miliardi di tonnellate.

Tuttavia c’è di più nelle stelle di neutroni di quello che è insito nel loro nome: sono composte al massimo dal 95% di neutroni e forse anche meno...

Read More

Cosa successe subito dopo il Big Bang?

universo

Universo primordiale

Si dice spesso che nei suoi primi momenti l’universo fosse in uno stato caldo e denso. Sebbene sia una descrizione ragionevolmente accurata, è anche piuttosto vaga.

Che cosa era esattamente caldo e denso? E in che stato si trovava? Per rispondere a questa domanda sono necessari sia complessi modelli teorici sia esperimenti ad alta energia nella fisica delle particelle.

Uno studio per capire di più

Secondo la fisica delle particelle e il modello cosmologico standard, la materia è apparsa entro il primo microsecondo dell’universo.

Si pensa che questa materia iniziale sia stata una densa ‘zuppa’ di quark che interagirono in un mare di gluoni. Questo stato della materia è noto come Plasma Quark-Gluon (QGP)...

Read More

Lenti e onde gravitazionali

onde gravitazionali

Astronomia gravitazionale

L’astronomia delle onde gravitazionali è molto diversa da quella della luce elettromagnetica. Sebbene le onde gravitazionali siano deboli e difficili da rilevare, passano anche attraverso la materia con scarso effetto.

In sostanza, l’universo materiale è trasparente alle onde gravitazionali. Questo rende l’astronomia delle onde gravitazionali uno strumento potente per lo studio dell’universo. Ma è ancora nelle fasi iniziali e c’è molto da imparare su come si comportano le onde gravitazionali.

Lenti gravitazionali

Il fenomeno delle lenti gravitazionali si verifica quando la luce proveniente da un oggetto distante come un quasar viene deviata leggermente mentre passa vicino a una galassia o ad un altro oggetto massiccio.

La curvatura gravitazion...

Read More

Il diavoletto di Maxwell

diavoletto di Maxwell

Universo e disordine

Un elemento fondamentale dell’Universo è il disordine. Immaginiamo, per esempio, di far cadere un bicchierino di colorante rosso in una piscina. Tutte le molecole del colorante si diffonderanno lentamente nell’acqua. I fisici quantificano questa tendenza a diffondersi contando il numero di possibili modi in cui le molecole del colorante possono essere organizzate.

C’è un possibile stato in cui le molecole sono ammassate nel bicchierino; ce n’è un altro in cui, diciamo, le molecole si depositano in un ammasso ordinato sul fondo della piscina. Ma ci sono innumerevoli miliardi di permutazioni in cui le molecole si diffondono in modi diversi nell’acqua...

Read More

Osservare l’Universo attraverso le onde radio

radioastronomia

Un’immagine storica

Se chiedi a un astronomo di scegliere l’immagine più emozionante di tutta l’astronomia, molto probabilmente ti dirà che è un anello arancione. A prima vista questa immagine potrebbe non sembrare molto affascinante – una ciambella sfocata e luminosa – ma in realtà lo è perché si tratta della prima visione di un buco nero, con i colori che indicano l’intensità delle emissioni radio.

L’immagine mostra un buco nero che è 6,5 miliardi di volte più massiccio del Sole e che si trova nel cuore di una galassia distante 55 milioni di anni luce. I piccoli dettagli dell’immagine hanno rivelato che il buco nero ruota in senso orario e consuma l’equivalente di centinaia di masse terrestri ogni anno.

buco nero

Questa immagine senza precedenti di uno degli oggetti più mist...

Read More

Osservare i confini dell’Universo

Scrutare il Cosmo

Sta per completarsi la costruzione del telescopio gigante Magellano (Giant Magellan Telescope, GMT), situato nel deserto di Atacama, in Cile. Questo strumento raccoglierà immagini dell’Universo 10 volte più nitide di quelle prodotte dal telescopio spaziale Hubble.

Scatterà foto di pianeti lontani e cercherà segni di vita, rivelerà le masse e le composizioni delle galassie neonate e analizzerà come le stelle nascono e muoiono.

Alto circa come 13 piani di un palazzo e con un peso di più di 6 milioni di chilogrammi, inclusa la struttura di supporto, il GMT farà parte di una nuova generazione di “telescopi estremamente grandi” che gli astronomi ritengono forniranno nuove intuizioni sui misteri irrisolti dell’Universo.

Il salto di sensibilità e risoluzion...

Read More

Internet tra le stelle

lente gravitazionale

Comunicazioni nel Sistema solare

Le sonde spaziali che popolano il Sistema solare inviano messaggi per il tramite del Deep Space Network (DSN), un insieme di antenne situate in stazioni di tutto il mondo. Ogni stazione ha una grande parabola di 70 metri e diverse altre parabole più piccole. Parabole radio così grandi sono necessarie perché i segnali di una sonda spaziale sono piuttosto deboli e diventano più deboli ancora con l’aumentare della distanza.

Il DSN è il sistema di telecomunicazioni scientifiche più grande e sensibile al mondo, indispensabile per le sonde che si avventurano oltre la Terra, nello spazio interplanetario. Guida le navicelle spaziali e riceve le loro immagini e informazioni, contribuendo perciò ad accrescere la nostra comprensione dell’Universo.

Com...

Read More

Stella nova in Cassiopea

stella nova

Splendore all’estremo nord

C’è una “nuova stella” – una nova classica – in mostra tra le stelle della costellazione di Cassiopea. Si tratta di Nova Cas 2021, scoperta il 18 marzo con una magnitudine intorno a +9,6, ma che sembra essersi rapidamente illuminata intorno alla magnitudine +7,5 il 19 marzo.

Nova Cas 2021 dovrebbe essere visibile con un binocolo 10 x 50 o con un piccolo telescopio nella posizione di coordinate: Ascensione Retta: 23h 24m 47.60s; Declinazione: + 61 ° 11 ‘14,0″.

È posizionata a soli 2,5 minuti d’arco a nord-est della stella HIP 115566 (SAO 20610) di magnitudine +8,9, che a sua volta si trova a 24 minuti d’arco a sud del luminoso ammasso stellare aperto Messier 52 (NGC 7654).

Cassiopea è circumpolare (non tramonta mai) nell’emisfero boreale...

Read More

Perché l’Universo contiene qualcosa piuttosto che niente

universo

Materia e antimateria

Secondo i dettami della relatività einsteiniana e le leggi della teoria quantistica, con il Big Bang si sarebbe dovuto creare un numero uguale di particelle e dei loro opposti. Tuttavia, quando materia e antimateria si incontrano, si annichiliscono a vicenda, producendo pura energia. Pertanto, l’Universo dovrebbe essere vuoto.

Così ovviamente non è. Della popolazione originale di protoni ed elettroni dell’universo, approssimativamente solo una particella su un miliardo è sopravvissuta ai primi secondi della creazione. E’ comunque sufficinete per popolare i cieli di stelle, pianeti ed esseri umani.
In un Universo perfetto, quindi, non esisteremmo!

Le leggi della fisica non sono simmetriche?

Negli anni molti scienziati hanno cercato di capire come mai e...

Read More